Altezza minima dei parapetti

Un amministratore di condominio mi ha ribaltato una domanda fattagli da alcuni condomini di un fabbricato che abitano all’ultimo piano in alloggi con terrazzi a livello che sono anche terrazzi di copertura di tale fabbricato. Questi condomini chiedono se l’altezza dei parapetti che è di m. 1,00 sono a norma di legge. Premettendo che questi parapetti sono costituiti per i primi cinquanta centimetri da un muretto di cemento e per i restanti cinquanta da un’inferriata, ti chiedo: ci sono normative che regolano l’altezza minima di parapetti ed inferriate, e se si, quale è questa altezza?
 

Risposta Altezza minima dei parapetti


Per motivi di sicurezza l’altezza minima dei parapetti e delle ringhiere in genere è fissata in m.1,00. Quindi nel tuo caso questa dimensione è rispettata ma non è sufficiente per farla rientrare nella norma, e ti spiego il motivo.
Per poter affermare che un parapetto o una ringhiera possano essere sicure e rispettare le normative devono rispettare i seguenti quattro requisiti:
1)      ALTEZZA: i parapetti e le ringhiere devono essere alti almeno un metro dal piano del pavimento (D.P.R. 27/04/1955);
2)      SPORGENZE SULLA PARTE INTERNA: non devono presentare nella parte interna sporgenze situate ad un’altezza dal pavimento tale da favorire l’appoggio del piede e lo scavalcamento da parte dei bambini (questo è il tuo caso in quanto a cinquanta centimetri dal calpestio vi è una sorta di gradino costituito dal muretto in cemento sormontato poi dalla ringhiera);
3)      DIMENSIONE MASSIMA DEI VUOTI: deve essere fissato in modo da impedire il passaggio di oggetti. Non devono lasciar passare una sfera di 10 cm. di diametro (D.M. 14/06/1989 n.236);
4)      RESISTENZA ALLA SPINTA ORIZZONTALE: i parapetti di balconi e terrazzi devono essere in grado di resistere ad una spinta orizzontale di 1000 N/m applicata sul mancorrente.

..:: www.campaniarchitetti.org :: info@campaniarchitetti.org :: powered by www.scan-graphics.com ::..