PRIMA INIZIATIVA CULTURALE

Campaniarchitetti, nell’ambito delle iniziative culturali relative all’anno 2007, in collaborazione con l’arch. Ettore Ventrella, presenta il volume:
STRUTTURE RETICOLARI SPAZIALI IN ACCIAIO
tra Architettura e Tecnologia
CLEAN edizioni
 
All’iniziativa interverranno:
il prof. arch. Aldo Capasso - Università degli studi di Napoli Federico II Tecnologia dell’architettura
 
il prof. ing. Gaetano Manfredi - Università degli studi di Napoli Federico II
Direttore del Dipartimento di Ingegneria Strutturale.
 
Verranno illustrate dall’autore, nodi e strutture reticolari di recente produzione, quali strumenti in grado di creare spazi flessibili e innovativi, sintesi del connubio tra architettura e tecnologia. Seguirà una dimostrazione pratica dell’uso di un software applicativo per il calcolo strutturale.
 
Sabato 21 Aprile ore 17,30
Biblioteca Comunale presso Ex Orfanotrofio “P. Allocca”
Corso Garibaldi, 14 - SAVIANO (Na)

 

Richiesta n. 2 dell'indirizzario email iscritti all'Ordine degli APPC di Napoli e provincia

Al Consiglio dell’Ordine degli Architetti,
       Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di
Napoli e Provincia
Piazzetta Matilde Serao n. 7 - 80133 Napoli
 
p.c. al Garante per la protezione dei dati personali
Piazza di Monte Citorio n. 121 - 00186 ROMA

 
OGGETTO: richiesta dell’indirizzario e-mail degli iscritti
 
              CampaniArchitetti, organizzazione ideata per la volontà di discutere ed analizzare tematiche inerenti lo stato e la natura della professione, nell’ottica di contribuire, avvalendosi di progetti mirati ad un dibattito sulla condizione della categoria,
premesso che
Ø       in data 13 novembre 2006 è stata presentata analoga richiesta, acquisita al Protocollo dell’Ordine al n. 2383/OGV e per la quale a tutt’oggi non è stata fornita alcuna risposta;
Ø       la suddetta presa di posizione ostacola chiaramente l’attività e le iniziative dell’associazione, tanto da ritenere opportuna anche una possibile segnalazione all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato;
Ø       ai sensi del D.Lgs. n. 196 del 30/06/2003 –Codice in materia di protezione dei dati personali-, Art. 24 (Casi nei quali può essere effettuato il trattamento senza consenso), comma 1.h., di cui di seguito si riporta:
h) .....con esclusione della comunicazione all'esterno e della diffusione, [il trattamento] è effettuato da associazioni, enti od organismi senza scopo di lucro, anche non riconosciuti, in riferimento a soggetti che hanno con essi contatti regolari o ad aderenti, per il perseguimento di scopi determinati e legittimi individuati dall'atto costitutivo, dallo statuto o dal contratto collettivo, e con modalità di utilizzo previste espressamente con determinazione resa nota agli interessati all'atto dell'informativa ai sensi dell'articolo 13.
Ø       CampaniaArchitetti è legalmente costituita – ai sensi degli articoli 2 e 18 della Costituzione italiana e degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile – con atto del Notaio Giuseppe Angelone, Repertorio n. 26159/7589.
                                                        CHIEDE NUOVAMENTE
di ricevere l’indirizzario e-mail dei colleghi iscritti, per poter al meglio provvedere ad informare sulle iniziative che questa associazione va ad intraprendere.
Si allega alla presente copia della prima richiesta (Protocollo â„– 2383/OGV del 13 novembre 2006).
 
Distinti saluti
 
Napoli, 10 aprile 2007
 
Il Segretario                                                                        Il Presidente
Arch. Antonio Sassone                                                          Arch. Vincenzo Perrone

N.B. La richiesta è stata acquisita al Protocollo dell'Ordine al n. 1074/O7V del 10 aprile 2007.

Richiesta n. 1 dell'indirizzario email iscritti all'Ordine degli APPC di Napoli e provincia

Al Consiglio dell’ Ordine degli Architetti,
       Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di
Napoli e Provincia  
 
 
OGGETTO: richiesta dell’indirizzario e-mail degli iscritti
 
CampaniArchitetti, soggetto organizzativo ideato per la volontà di discutere ed analizzare le tematiche inerenti lo stato e la natura della professione, nell’ottica di contribuire, avvalendosi di progetti mirati, a stimolare un dibattito sulla condizione della categoria, ai sensi dell’ art. 24 comma 1 del D.Lgs. n. 196 del 30/06/2003, relativo ai vincoli imposti dalle legge sulla privacy,
CHIEDE
 
di ricevere l’indirizzario e-mail dei colleghi iscritti, per poter al meglio provvedere ad informare sulle iniziative che si intenderanno intraprendere.
        
Cordiali saluti
 
Napoli, 13 novembre 2006
 
    Il Responsabile del sito                                                                                      Il Portavoce

    Arch. Antonio Sassone                                                                             Arch. Vincenzo Perrone

N.B. La richiesta è stata acquisita al Protocollo dell'Ordine al n. 2383/OGV del 13 novembre 2006.

Comunicato n. 11: Terminale di controllo e gestione degli accessi del personale dipendente (Consigliere Vincenzo Perrone)

 
Al Consiglio dell’Ordine
 
Nella seduta di Consiglio del 26.06.06 – allorché, com’è noto, non facevo parte di tale organismo – si deliberò l’installazione, presso la sede dell’Ordine, di un terminale di controllo e gestione degli accessi del personale dipendente, con lettura biometrica (impronte digitali). Forse fu previsto, anche, il pagamento di un canone annuo per l’assistenza all’uso di un software, legato al funzionamento del suddetto terminale.
Essendo il personale dell’Ordine numericamente assai esiguo e formato da elementi dotati di notevole anzianità di servizio (per i quali non mi risulta vi siano mai state disattenzioni nel rispetto dell’orario di lavoro) trovo singolare la decisione di installare tale costosissimo dispositivo, basato sulla rilevazione “biometrica”, che giudico sgradevole e mortificante per il nostro personale dipendente, tutto formato da persone estremamente attente allo svolgimento delle loro mansioni, con puntualità e competenza. Sicché il riconoscimento biometrico appare, nel nostro caso, palesemente sproporzionato e non necessario.
E’ bene ricordare che, con provvedimento del 21 luglio 2005 (relatore On. Mauro Paissan) il Garante della Privacy ha vietato «l'uso generalizzato delle impronte digitali dei dipendenti per controllare le presenze sul luogo di lavoro», ritenendo «tale sistema troppo invasivo della sfera personale e della libertà individuale» ed adducendo che «per raggiungere lo stesso scopo si possono adottare altre tecniche più proporzionate, meno lesive della dignità dei lavoratori ed ugualmente efficaci»
Ricordando che il Codice in materia di protezione dei dati personali, in attuazione delle direttive 95/46/Ce e 2002/58/Ce, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, â„– 196, prescrive che il trattamento di dati personali avvenga:
-        nel rispetto di principi di necessità e liceità, riguardo la qualità dei dati (articoli 3 e 11), chiedo se sia stata argomentata la necessità di rilevazioni biometriche, procedura di dubbia legalità nel nostro caso, essendo, come già detto, il personale formato da appena cinque elementi, con un’anzianità media di servizio elevata, caratterizzata dalla più scrupolosa osservanza degli orari di lavoro e dal perfetto adempimento dei doveri d’ufficio;
-        informando preventivamente e adeguatamente gli interessati (articolo 13), chiedo se tale preventiva ed adeguata informazione ci sia stata;
-        rispettando (essendoci il trattamento di dati sensibili) la necessità di informare il Garante, chiedo se tale comunicazione è avvenuta. E’ nota l’obbligatorietà di notificare, preferibilmente per via telematica, al Garante della protezione dei dati personali l’inizio del trattamento in questione, con apposito modulo, disponibile sul sito del garante www.garanteprivacy.it ;
-        adottando le misure di sicurezza idonee a preservare i dati da alcuni eventi tra i quali accessi ed utilizzazioni indebite, rispetto ai quali il responsabile del trattamento può essere chiamato a rispondere anche civilmente e penalmente (articoli 15, 31 e ss., 167 e 169 del Codice), chiedo se tali garanzie di riservatezza sono assicurate;
In qualità di Consigliere (in rappresentanza di «tutti i professionisti appartenenti all’albo» come sancito dall’art. 2 comma 3° del D.P.R. 8 luglio 2005 â„– 169) chiedo, altresì, di conoscere:
1)     gli estremi della Ditta che si è aggiudicata la gara ed, eventualmente, quali referenze ha prodotto;
2)     il costo sia della fornitura e del montaggio del materiale, sia del canone annuo di assistenza per l’uso del sistema di controllo;
3)     se sono obbligati all’uso di tale apparecchiatura tutti i soggetti frequentanti la sede e per i quali si predisponga, mensilmente, una busta paga oppure se, fra quanti usufruiscono delle retribuzioni riportate in una busta paga appositamente predisposta, alcuni non abbiano l’obbligo di registrare la loro presenza in sede, tramite rilevazione dell’impronta digitale;
4)     gli estremi del responsabile del trattamento dei dati rilevati (articoli 4, comma 1, lettera f) e g), 28 e 29 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196) e se questi abbia raccolto il preventivo consenso informato degli interessati.
Esplicitamente chiedo di sospendere il sistema di rilevamento delle presenze tramite impronte digitali (adottandone un altro) fino a quando non si provvederà a recepire pienamente il dettato del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, â„– 196 e le prescrizioni del Garante della privacy.
Distinti saluti
 
Napoli 10 aprile 2007                                                 Vincenzo Perrone
 
 
 
Allego:
  1. comunicato stampa del Garante per la protezione dei dati personali del 25 luglio 2005;
  2. provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 21 luglio 2005.
N.B.: Entrambi gli allegati sono stati scaricati dal sito del Garante per la protezione dei dati personali.

Pagine